Libri. Venezia Emozionale di Adriano Rubino del Re

Lo scrittore e fotografo napoletano ci conduce, tra immagini e narrazione, alla scoperta della Serenissima
di Valerio Boffardi - 27 Dicembre 2019

Venezia è una delle città d'arte più belle del mondo. Può vantare un fascino senza uguali, grazie alla peculiare conformazione del territorio o, meglio, della laguna su cui è sorta.

"Venezia Emozionale" (Bonfirraro Editore), dell'autore napoletano Adriano Rubino del Re , ci narra le sensazioni che si provano passeggiando - o, in alternativa, navigando - tra le strade della Serenissima.

La città viene raccontata in due modi: il primo è quello fotografico. L'autore, che è un fotografo professionista, ha immortalato le sfumature di Venezia secondo l'alternanza non solo del dì e della notte, ma anche delle stagioni.

Riesce, così, a mostrare come lo stesso soggetto, investito da luci diverse, dia all'osservatore sensazioni differenti.

Questo effetto è raggiunto anche grazie all'elegante utilizzo del bianco e nero, che permette di esaltare i particolari di ciò che viene ritratto.

Il secondo modo in cui Adriano Rubino del Re ci parla di questa meravigliosa città, è quello narrativo. Un libro fotografico come tanti, infatti, avrebbe corso il rischio di non arrivare a tutti, ma solo agli amanti dell'arte.

Nella parte scritta, l'autore dà solo pochi cenni storici, per poi concentrarsi sulle sensazioni che suscitano le atmosfere veneziane.

Come si deduce dal titolo, il testo non è una guida turistica, ma una dedica molto personale dell'autore alla città da lui tanto amata.

Tra uno scatto e l'altro, veniamo presi per mano e, con l'aiuto delle descrizioni, avvertiamo l'odore dei caffè affacciati sui canali, il sapore del cibo, l'atmosfera festosa del celebre carnevale.

Ci sentiamo affannati sotto la calura estiva, in fila per prendere un traghetto, seppur euforici tra la folla dei turisti. E ci sfiora la malinconia quando, in inverno, l'acqua sale e le strade sono più vuote.

Una cosa è certa: per chi non è mai stato a Venezia, questo libro è un ottimo tour virtuale, che riesce nella difficile impresa di attivare tutti e cinque i sensi.

Ed è anche sicuro che, dopo averlo finito, ai lettori verrà la voglia di organizzarsi per un viaggio ambientato tra ponti e calli.