Piscina Mirabilis: la cattedrale dell'acqua nelle terre del vino

Punto di arrivo a Bacoli dell'acquedotto romano del Serino
di Redazione Ecampania.it - 02 Maggio 2019
Piscina Mirabilis: la cattedrale dell'acqua nelle terre del vino

La Piscina Mirabilis sorge a pochi passi dal lago Miseno. Si tratta di un’enorme, imponente cisterna di acqua potabile risalente all’età augustea che faceva parte dell’acquedotto che trasportava l’acqua del Serino, nell’avellinese, distante 100 chilometri, fino ai Campi Flegrei e a Napoli.

La piscina è il punto di arrivo a Bacoli dell'acquedotto romano e per imponenza è confrontabile solo con la Cisterna di Istanbul, sebbene quest'ultima sia più recente di quasi 500 anni.

Una volta all’interno il colpo d’occhio è spettacolare: la "piscina", scavata nel tufo, è lunga 70 metri, larga 25,50 e alta 15. Sembra di essere nelle viscere di un’alta cattedrale con volte, navate e ben 48 pilastri dalle cui pareti incrostate di muschi filtrano dalle aperture in alto sprazzi di luce che rendono l’atmosfera quasi mistica.

Quella che nel settecento venne ribattezzata dai visitatori del Gran Tour la Piscina Mirabilis altro non è cha la più grande cisterna di acqua dolce mai costruita dai romani. Correva l'anno 12 a.C. e la flotta di Augusto aveva bisogno d'acqua. Nella cisterna composta da 5 navate e 48 pilastri era alimentata dall'acquedetto del Serino, arrivavano 13 mlioni di litri d'acqua che attraverso un sistema di volte e canalizzazioni arrivava alle navi.

L'apertura della cisterna è affidata unicamente ad un custode privato incaricato dalla Soprintendenza. Per visitare la struttura potete usufruire dei parcheggi in via Pennata o via Poggio a Bacoli, in provincia di Napoli. Gli orari di visita sono da stabilire con il custode referente, i numeri li trovate in basso, solo in fascia mattina o primo pomeriggio fino alle 16.00.

napoli Durata:
1 Hour
Costo: offerta libera Telefono: Immacolata Lucci 3336853278 - 3335730225 Tipo: piscina