Gragnano. Anche la Chiesa del Carmine avrà il suo presepe artistico

A caratterizzarlo sarà la presenza della figura di San Francesco, il poverello di Assisi
di Marco De Rosa - 06 Dicembre 2019
Gragnano. Anche la Chiesa del Carmine avrà il suo presepe artistico

“I valori del Cristianesimo hanno fecondato la cultura, la letteratura, la musica e l’arte delle nostre terre; ancora oggi tali valori costituiscono un prezioso patrimonio da conservare e trasmettere alle future generazioni”. È questo il messaggio trasmesso da Papa Francesco per il dono del Presepio in piazza San Pietro, un messaggio che a Gragnano, in provincia di Napoli, è accolto appieno.

L’arte presepiale napoletana, con pezzi storici e intere scene ambientate durante la nascita di Gesù, lascito culturale con il realismo delle sue rappresentazioni, vive quest’anno nel Presepe realizzato nel Santuario Maria SS. del Carmelo, che sarà inaugurato sabato 7 dicembre, alle ore 20.30, e sarà visitabile tutti i giorni fino al 2 febbraio 2020, dalle ore 10.00 alle ore 12.00 e dalle ore 17.00 alle ore 19.00.

CLICCA QUI PER ACCEDERE ALLA PHOTOGALLERY DELL'INAUGURAZIONE

Rettore del Santuario è don Gerardo Cesarano che, insieme al comitato “Pro Santuario Madonna del Carmine” costituito da Ciro Cavaliere, Ciro Attanasio, Stefano Borrelli, Clemente Padovano e Saturno Somma con la collaborazione di Antonio Stile, ha voluto fortemente il ritorno dopo anni di mancata realizzazione di un suggestivo Presepe artistico all’interno del Santuario.

La concretizzazione dell’idea del presepe avviene in seguito alla partecipazione al convegno Pastorale della Diocesi Sorrento/ Castellammare guidato dall’arcivescovo Alfano Franco sul tema dell’Evangelizzazione.

Uno dei membri del Comitato, appassionato di storia ed arte, ha collezionato ed oggi mette a disposizione statue e scene affinché il Presepe si realizzi.

A caratterizzarlo è la presenza della figura di San Francesco, il poverello di Assisi, colui il quale volle che il sacrificio della messa nella notte di Natale fosse celebrato nell’ambiente stesso in cui Gesù era nato, una stalla; San Francesco chiama ad abbandonare tutto, a farsi poveri, come povero è il Salvatore del mondo in una grotta, Dio che si manifesta in forma sensibile: Teofania massima.

 

napoli Data/e: da 07 Dicembre 2019 a 02 Febbraio 2020 Telefono: +39 081 3796554, +39 339 1708030