Teatro, Napoli ricorda Gennaro Vitiello

Presentate al Pan la pubblicazione e il bando per compagnie teatrali per ricordare il regista napoletano scomparso nel 1985
di Catello Germano - 31 Ottobre 2018
Teatro, Napoli ricorda Gennaro Vitiello

Una pubblicazione di testi teatrali e un bando per compagnie teatrali è l’iniziativa lanciata dall’Associazione Scena Sperimentale Gennaro Vitiello per ricordare la figura del regista e attore teatrale napoletano scomparso prematuramente nel 1985.

Il progetto, organizzato in collaborazione con Teatro Avanposto Numero Zero, l’editore GM Press e con il patrocinio dell’assessorato alla Cultura del Comune di Napoli, è stata presentato al Pan di Napoli.

Presenti all’evento le figlie di Gennaro Vitiello, Cordelia ed Elisabetta, l’assessore alla cultura del comune partenopeo Nino Daniele e Giulio Baffi, direttore dell’Accademia di Belle Arti di Napoli, Paolo Puppa, che nel corso della conferenza ha presentato il progetto – saggio sulla figura di Vitiello regista ed aggregatore culturale, e Rino Mele, curatore del prossimo volume in uscita il 5 dicembre.

“Una città delle avanguardie, dei fermenti culturali che solcano sentieri inediti. Per questo motivo – si legge nella nota diffusa dagli organizzatori – è stata avviata una riflessione sull’attività culturale di uno degli operatori più incisivi della scena napoletana ed europea come Gennaro Vitiello”.

“Io e mia sorella siamo felici di presentare questa iniziativa – afferma Cordelia Vitiello – Il progetto si sviluppa con una pubblicazione, avvenuta grazie al coraggio della casa editrice GM press, Egidio Carbone ed Emilio Massa. Una raccolta con le messe in scena degli spettacoli di mio padre. Un’iniziativa editoriale importante perché apre anche una riflessione su un periodo, gli anni '60 e '70, caratterizzati da un forte fermento culturale a Napoli. Anni in cui non si aveva paura di sperimentare. Nel corso dei prossimi mesi poi, alcune compagnie che hanno partecipato al bando metteranno in scena i testi di mio padre”. Nel corso della mattinata è stato anche presentato il primo volume “La magia della farfalla”.

“Gennaro Vitiello è stato un grande protagonista della storia del teatro napoletano contemporaneo – afferma Nino Daniele, assessore alla Cultura del Comune di Napoli -. Un protagonista di una frontiera di sperimentazione di nuovi linguaggi e di formazione di generazione di grandi teatranti. Una figura che non aveva ricevuto tutta l’attenzione che meritava e che oggi, grazie non solo ai familiari, ma anche ad un gruppo di uomini di teatro ed intellettuali riceve tutta l’attenzione che merita”.

napoli