Somma Vesuviana. Riportare alla luce interamente la Villa di Augusto

Sopralluogo a Villa romana di Università e Soprintendenza
di Redazione Ecampania.it - 01 Dicembre 2016
Somma Vesuviana. Riportare alla luce interamente la Villa di Augusto

Riportare alla luce interamente la villa dell’Imperatore Ottaviano Augusto a Somma Vesuviana, in provincia di Napoli. Una ipotesi che potrebbe tramutarsi in realtà, almeno stando alle dichiarazioni rilasciate all’ANSA dall’archeologo Antonio De Simone dell'Università Suor Orsola Benincasa di Napoli.

De Simone, che insieme al professor Satoshi Matsuyama, della Imperial University di Tokio che finanzia i lavori dal 2002, e al funzionario della Soprintendenza archeologica della Campania Mario Cesarano, nella giornata del 30 novembre hanno effettuato un sopralluogo a Starza della Regina, nei pressi di Somma Vesuviana, dove si scava una Villa romana di grandi dimensioni che potrebbe essere stata l'ultima dimora dell'imperatore Ottaviano Augusto.

Secondo quando conferma lo stesso De Simone all’agenzia di stampa: “Sono stati scavati finora 2 mila 500 metri quadrati  e ci aspettiamo di scavare una superficie almeno pari”.

L'ultima scoperta è quella di una enorme cisterna, di 30 metri per 10. Secondo gli archeologi, la Villa romana di Somma Vesuviana è databile ai primi decenni del II secolo dopo Cristo, ma al suo interno sono state trovate statue che risalgono a prima dell'eruzione del Vesuvio che distrusse Pompei ed Ercolano nel 79 d.C.

Così ne parla Alberto Angela:

La ricostruzione virtuale della villa di Augusto:

napoli