Una passeggiata per (ri)scoprire i tesori paesaggistici e culturali dei Monti Picentini

L'iniziativa è stata presentata a Pontecagnano in occasione della Giornata del Paesaggio
di Giovanni Vasso - 14 Marzo 2019

Anche quest’anno, in occasione della Giornata del Paesaggio, il Museo Archeologico di Pontecagnano Faiano recita un ruolo centrale e attrae associazioni, gruppi e istituzioni nel segno della cultura.

Questa mattina, proprio al Museo, è stata presentata l’iniziativa prevista per domenica 17 marzo 2019.

Tre gli itinerari: uno per “appiedati” e gli altri due per chi, invece, ama la bici. Si partirà, in ogni caso, dal Museo Archeologico per toccare e attraversare le bellezze di Montecorvino Rovella, Montecorvino Pugliano e di Olevano sul Tusciano.

Al tavolo, insieme alla padrona di casa, la direttrice del Museo Gina Tomay, c’erano il sindaco di Pontecagnano Faiano Giuseppe Lanzara, il primo cittadino di Montecorvino Rovella Martino d’Onofrio, il subcommissario prefettizio di Montecorvino Pugliano, Giuseppe Chianese e il delegato alla Cultura del comune di Olevano sul Tusciano Candido Maddalo. È intervenuto inoltre l’esponente di Legambiente Michele Buonomo.

Le idee espresse al tavolo sono quelle solite, della “ricetta” vincente per far decollare – finalmente – il turismo. La riscoperta dell’identità che conduce a trarre fuori dall’oblio i tesori culturali del territorio che, messi in rete col dialogo tra gli enti e le istituzioni, insieme alle associazioni e ai  corpi sociali intermedi, riusciranno a dare una chance di rilancio economico e sociale ai territori.

Grazie alla consulenza e alla disponibilità di docenti e di studiosi, coloro che prenderanno parte alla “passeggiata” potranno visitare alcuni gioielli ancora semisconosciuti del territorio: dalla recentemente restaurata cappella di Santa Maria delle Grazie a Rovella, fino al Castrum Olibani e al borgo antico di Ariano a Olevano sul Tusciano, passando per il santuario della Madonna dell’Eterno e il convento puglianese dedicato alla Santissima Misericordia.   

salerno