Fogliolì. A Procida il liquore alle foglie di limone

Verde, intenso e amarognolo: l’idea imprenditoriale di due giovani isolani

Cosa spinge due giovani ragazzi, dopo dieci anni, a fare ritorno nella propria terra? In questo caso, l’amore per la propria isola e un’idea imprenditoriale vincente. Siamo a Procida, e quella che vi raccontiamo oggi è la storia di David e Cinzia, marito e moglie. Ingegnere gestionale lui, architetto lei. Giovanissimi ed ambiziosi, diversi anni fa decidono di fare la valigie ed andare incontro al loro futuro. Prima a Bologna, poi a Firenze.

Non che le cose andassero loro male, entrambi con un buon lavoro, entrambi soddisfatti della scelta fatta.  Se non fosse che, dopo un po’ di anni, qualcosa non torna. Qualcosa manca, e qualcosa frulla nelle loro menti. Nostalgici dei profumi e dei colori di casa, David e Cinzia fanno ritorno sull’isola dopo dieci anni e decidono di investire nel loro territorio, valorizzandone le risorse.

Il protagonista del loro progetto è il limone procidano, che viene anche chiamato limone di pane, dalla buccia più spessa nella parte bianca. Nasce così, due anni fa, l’azienda Agre Procida, produttrice di Fogliolì, il liquore alle foglie di limone. Un prodotto assolutamente nuovo sul mercato. Il liquore, molto semplicemente, nasce dall’infusione delle sole foglie di limone nell’alcool, facendo eccezione della buccia. Ecco cosa distingue Fogliolì dal classico limoncello. Ed effettivamente si percepisce subito il sapore della foglia quando lo si assaggia ed il profumo che sprigiona è davvero intenso. Se avete mai spezzato con le mani una foglia di limone e avete provato ad annusarla, allora potete avere una vaga idea di cosa stiamo parlando. C’è una quantità di zucchero minore nel Fogliolì, paragonato sempre al limoncello, questo liquore risulta infatti leggermente più amarognolo.

Il suo colore è verde cangiante. Altra scelta accurata infatti, è stata la bottiglia. Il colore di Fogliolì è del tutto naturale, perchè viene conservato e mantenuto in una bottiglia scura e non come spesso accade trasparente. “A discapito dell’estetica, abbiamo scelto di mantenere un colore ed un sapore naturalissimo del prodotto. Con l’utilizzo di bottiglie trasparenti – ci spiega David – filtra il sole inevitabilmente e cambia la clorofilla delle foglie”.   

Ad aiutare Agre Procida nella produzione, è l’antica distilleria Russo di Salerno. Attualmente i prodotti a disposizione sono due, il liquore e la grappa, entrambe alle foglie di limone. Ma David e Cinzia non hanno alcuna intenzione di fermarsi e sono intenzionati a far assaporare in tutto il mondo il profumo delle foglie di limone procidane. È un prodotto innovativo, procidano in tutti i sensi e dunque irripetibile.

Noi abbiamo assaggiato il liquore, piacevole da gustare sia dopo i pasti, ma anche adatto per ideare nuovi cocktails e da assaporare fresco fresco. Non possiamo fare altro che invitarvi a far altrettanto.

È possibile acquistare i prodotti attraverso il loro sito e per maggiori informazioni e/o curiosità, potete seguire l’avventura di Cinzia e David attraverso le loro pagine social.

Dettagli
Cerca Evento