Il Parco sul Mare di Villa Favorita

Il gioiello di Leopoldo tra bellezze naturali e divertimenti reali

Le città di Portici, Ercolano e Torre del Greco custodiscono preziosissime architetture sei-settecentesche, ricordo dello spendente periodo borbonico. Molte di queste residenze nobili sono parte del così detto Miglio d’oro ed alcune sono oggi sotto la tutela della Fondazione Ente Ville Vesuviane.

Tra queste il Parco sul mare Villa Favorita è un piccolo gioiellino a due passi del mare. L’ampio parco era parte della Real Villa Favorita ma nel 1879 la proprietaria, principessa di Santobono, vendette il complesso al demanio. Questo mantenne la proprietà della villa e rivendette ad un privato il solo parco sul mare. La Real Villa Favorita oggi ospita la Scuola di Polizia penitenziaria. Si deve quindi immaginare che il parco aveva, all’epoca dei Borbone, un aspetto un po’ diverso ma nonostante ciò il Parco sul mare, con i suoi giardini e le sue architetture, resta davvero un piccolo gioiellino all’interno del Miglio d’oro.

Al centro del parco regna la Casina Zezza. Una struttura piccola, di appena un piano, che custodisce bellissimi giochi di luce. Infatti è anche chiamata Casina dei Mosaici, perché al pian terreno moltissime stanze sono ricoperte di minuscoli tasselli chiari che alla luce rispendono. Si tratta di materiale misto, porcellana, vetro e mattonelle. Nel salone principale si può assistere ad una vera magia. Questa stanza ampia, ricoperta da mosaici e con un bellissimo affresco al soffitto, ha delle ampie vetrate colorate che danno direttamente sul mare. La luce che entra si riflette sui tasselli regalando dei bellissimi colori.

La vista sul mare è spettacolare ma anche passeggiare all’interno del parco ha il suo fascino.

Leopoldo di Borbone, principe di Salerno, ereditò la Real Villa Favorita dal padre Ferdinando. Tutti i proprietari della residenza avevano commissionato dei lavori che potessero “marcare” il loro passaggio, Leopoldo tra loro fu quello che più si occupò del parco. Era infatti l’ambiente che preferiva e dove solitamente intratteneva i suoi ospiti. Il principe allestiva al meglio il parco per le più svariate occasioni. Vi erano caroselli, orchestre, montagne russe, ecc… In alcuni giorni di festa anche il popolo era invitato a divertirsi! Rimangono ancora in giro nel parco alcune strutture dei giochi preferiti dal re. Oggi il parco è aperto al pubblico e tutti sono invitati a goderne. Grazie alla Fondazione Ente Ville Vesuviane la Casina Zezza è aperta con apposite visite guidate.

Oggi il parco è aperto al pubblico e tutti sono invitati a goderne. Grazie alla Fondazione Ente Ville Vesuviane la Casina Zezza è aperta con apposite visite guidate.

Gli orari: martedì – venerdì 10:00 – 18:00 ; sabato e domenica: 10:00 -13:00.
La visita guidata comprende anche Villa Campolieto.

Foto
Dettagli
Cerca Evento