Primi piatti gustosi: scialatiello trafilato con ceci e lupini

Semplice, genuino e casereccio: non siate scettici, lasciatevi incuriosire e provate a realizzarlo

Alzi la mano chi non ha mai sfogliato, così per svago, menu di ristoranti online. Forse sarò l’unica o forse no, ma soprattutto in questo periodo di pandemia, avendo più tempo a disposizione, talvolta mi diletto nel selezionare locali da poter provare e dare uno sguardo ai relativi menu online.

Il problema però sorge nel momento in cui trovo un piatto che mi intriga, che mi fa venire l’acquolina soltanto a leggerne il nome e i pochi ingredienti con cui è descritto. Come faccio a questo punto ad eliminare quel chiodo fisso che mi batte nella testa, o meglio, come faccio a fermare lo stomaco che brontola? Quando il piatto è semplice, genuino e casereccio, la soluzione è soltanto una: mani in pasta e si procede con la preparazione.


Ecco, questo è ciò che ho fatto nel momento in cui mi sono ritrovata a leggere all’interno di un menu la voce: Pasta “ammiscat” con ceci e lupini. In molti già la conosceranno, altri invece come me ora la stanno scoprendo ed in particolare a questi ultimi dico: non siate scettici per l’abbinamento. Dopo averla provata, ne resterete estasiati per la delicatezza con cui si combinano gli ingredienti, ma nel contempo riescono a distinguersi perfettamente, la dolcezza dei ceci e la sapidità dei lupini di mare. Come tipologia di pasta ho utilizzato lo Scialatiello trafilato al bronzo, in quanto la sua rugosità gli consente di trattenere al meglio il condimento.


Che dirvi, questa è davvero una rivale validissima della tanto nota e amata pasta e fagioli con le cozze. Procuratevi gli ingredienti e mettetevi anche voi ai fornelli.

Ingredienti per 3 persone:

300g di scialatielli trafilati al bronzo
500g di lupini
400g di ceci lessati
2 pomodorini
1 spicchio di aglio
1 rametto di prezzemolo
6 cucchiai di olio evo
sale q.b.
pepe 4 stagioni q.b

Preparazione:
In un pentola capiente, mettere 5 cucchiai di olio evo, lo spicchio di aglio, il prezzemolo e i pomodorini tagliati a metà. Quando l’aglio sarà imbiondito, versare i lupini precedentemente sciacquati, coprire con un coperchio (onde evitare schizzi molesti!) e non appena i lupini inizieranno ad aprirsi, metterli all’interno di un recipiente e sgusciarli. Nella stessa pentola in cui precedentemente sono stati cotti i lupini e in cui sarà rimasta soltanto la loro acqua di cottura, versare a questo punto i ceci. Coprire con un coperchio, lasciare andare per qualche minuto, eliminare l’aglio, aggiungere acqua calda q.b. per la cottura della pasta (meglio andare in difetto, piuttosto che aggiungerne troppa in quanto dovrete ottenere un risultato finale cremoso) e coprire nuovamente fino al raggiungimento del bollore. Una volta raggiunto il bollore, con l’ausilio di un frullatore a immersione, frullare una parte dei ceci, versare la pasta e salare. Mescolare accuratamente fino a fine cottura e qualora in cottura la pasta dovesse asciugarsi troppo, aggiungere acqua calda un po’ alla volta. A cottura ultimata, spegnere il fuoco, aggiungere i lupini sgusciati, un cucchiaio di olio evo, un po’ di prezzemolo e un pizzico di pepe 4 stagioni, mescolare e coprire con un coperchio per 2-3 minuti. Trascorso questo tempo, portare in tavola e servire.

Bon appètit!

Dettagli
Cerca Evento