Il Parco Archeologico di Pompei

Pompei è uno dei siti archeologici più visitati al mondo e sicuramente tra i più affascinanti. Il rinvenimento nel XVIII secolo della città sepolta, ha segnato uno spartiacque fondamentale nella storia degli studi sull’antichità sino ad allora effettuati. Con la scoperta di Pompei e degli altri siti vesuviani è stato possibile conoscere e studiare non solo le eccezionali opere d’arte ma anche gli aspetti della vita quotidiana e della cultura materiale antica ancora completamente ignorati e sconosciuti.

Pompei ha continuità di vita dal VII sec. a.C., periodo in cui fu costruita la prima cinta muraria in tufo, per scomparire insieme agli altri siti vesuviani (Ercolano, OplontisStabiae), a causa della catastrofica eruzione del Vesuvio nel 79 d.C. All’evoluzione della città dal VII sec. a.C. sino al 79 d.C. hanno contribuito varie civiltà: etruschi, greci e indigeni e le popolazioni Sannitiche, discese dai monti dell’Irpinia e del Sannio, a conquistare la pianura campana. In epoca sannitica Pompei faceva parte di una lega di città vesuviane e costiere con a capo Nuceria e ricevette un forte impulso all’urbanizzazione.

Con l’avvento dei romani Pompei diventò alleata di Roma, entrando a far parte dell’organizzazione politica e amministrativa dell’impero. Ad esso si ribellò assieme ad altre popolazioni reclamando pari dignità socio-politica: la città fu assediata e conquistata da Silla, che vi istituì la colonia romana col titolo di Colonia Veneria Pompeianorum (80 a.C.).

In età imperiale Pompei si ingrandì ancora e venne abbellita con edifici pubblici e privati. Nel 62 d.C. un violento terremoto interessò tutta la zona vesuviana, costringendo le popolazioni a notevoli interventi di restauro. Questi restauri erano ancora parzialmente in corso quando le città vesuviane furono nuovamente colpite da una catastrofe: l’eruzione del Vesuvio. Era il 24 agosto del 79 d.C. quando una pioggia di ceneri e lapilli seppellì le città vesuviane, cancellandone il ricordo per secoli.

Grazie agli scavi voluti da re Carlo III di Borbone a partire dal 1748 e alle successive riprese, che continuano con indagini e ricerche sino ai nostri giorni, oggi è possibile ripercorrere le strade e ricostruire la vita della città di rovine per eccellenza. 

Costo del biglietto di ingresso a Pompei 16 euro, ridotto a 2,00 euro per i cittadini dell’Unione Europea di età compresa tra i 18 e i 25 anni (non compiuti). Validità 1 giorno. Per biglietti cumulativi o sconti consultare il sito ufficiale.

Venue Details
Working Hours
  • Weekdays
    Dal 1 aprile al 31 ottobre Lunedì - Venerdì dalle ore 9.00 alle ore 19.30 (ultimo ingresso 18.00) - Dal 1 novembre al 31 marzo Lunedì - Venerdì dalle ore 9.00 alle ore 17.00 (ultimo ingresso 15.30)
  • Sabato
    Dal 1 aprile al 31 ottobre dalle ore 8.30 alle ore 19.30 (ultimo ingresso 18.00) - Dal 1 novembre al 31 marzo dalle ore 8.30 alle ore 17.00 (ultimo ingresso 15.30)
  • Sunday
    Dal 1 aprile al 31 ottobre dalle ore 8.30 alle ore 19.30 (ultimo ingresso 18.00) - Dal 1 novembre al 31 marzo sabato dalle ore 8.30 alle ore 17.00 (ultimo ingresso 15.30)
Events of the Venue
Ti potrebbero interessare.
Anfore da trasporto, sculture, calchi in gesso, la grande collezione di reperti della città antica Uno degli edifici visitabili (dall’esterno) nell’area del foro di Pompei, i Granai, ospitano attualmente la più grande collezione archeologica della città antica. L’ex mercato della frutta e...
Affreschi e decorazioni, una delle domus più note della città sepolta Apparteneva ai fratelli Vettius Restitutus e Vettius Conviva esponenti di spicco del ceto libertino, una delle case più note di Pompei, la casa dei Vettii. Sono le pitture in...
Considerata una “villa del potere”, è una delle domus più grandi dell’intera città E’ una delle “ville del potere” dell’antica città di Pompei, la Casa dei Mosaici Geometrici (Regio VIII) si estende su una superficie di 3mila metri quadrati con...