Francesco Scarano: dalla pizza napoletana alla cultura del teatro

Gestore di Tarumbò e Direttore del Teatro Lendi, l’imprenditore di Cardito ci racconta le sue passioni

Francesco Scarano è un imprenditore originario di Cardito, oggi manager della pizzeria Tarumbò situata sulla strada provinciale Grumo-Sant’Arpino, all’interno del complesso Cinema – Teatro Lendi e direttore e titolare dello stesso teatro. Di strada ne ha fatta parecchia, non gli è mancata, quella che tutti definiscono “la gavetta”. Proviamo a fare qualche passo indietro.

Ho iniziato la mia attività lavorativa presso il Complesso Lendi nel 2005, avevo solo 21 anni quando cominciai a collaborare con l’attività di ristorazione della famiglia Lendi, all’ora una giovane start up. Nel 2007, la famiglia decide di lasciare l’attività e di affidarla a me, dandomi piena fiducia”.

Francesco non ha ereditato la passione per la ristorazione dalla sua famiglia, è figlio di genitori entrambi impiegati, proviene dalla classica famiglia Italiana. Ma la buona volontà non gli è mai mancata, ne tanto meno la curiosità di affacciarsi a nuove scoperte.

Contestualmente all’attività di ristorazione, ho cominciato ad appassionarmi al mondo dello spettacolo e ad organizzare nel mio piccolo, eventi teatrali. Avendo il teatro alle spalle del ristorante, era davvero impossibile non essere continuamente attratti da questo mondo”.

da sinistra Francesco Scarano e Raffaele Mancino

L’imprenditore di Cardito ci prende gusto e nel 2010 nasce la sua prima stagione teatrale, iniziativa che lo coinvolge a pieno ritmo, con nomi importanti come Massimo Ranieri e Biagio Izzo. Di lì a poco, la famiglia Lendi, separerà l’attività cinematografica da quella teatrale, lasciando le redini di quest’ultima a Francesco.

Nel frattempo, gli anni trascorrono ed anche l’attività di ristorazione cresce. Si inizia a fare esperienza, grazie al pizzaiolo Raffaele Mancino, immancabile braccio destro di Francesco.

“Lavora con noi da circa 12 anni, Tarumbò ha stretto con lui un importante sodalizio di cui vado molto fiero. Seguiamo insieme percorsi continui di aggiornamento e con lui è nato anche l’ideale ristorativo ‘Very normal pizza‘, attraverso il quale tentiamo di riscoprire e valorizzare una pizza che rispecchi quella classica napoletana”.

Nel 2016 Tamburò – che richiama il testo di una meravigliosa ed intensa canzone di Pino Daniele –  entra nelle pizzerie annoverate dall’AVPN (Associazione Verace Pizza Napoletana).

“Sono il collante di entrambe le realtà – ci racconta Francesco – se non avessi iniziato l’attività di ristorazione, non mi sarei occupato di teatro. Mai come in questo momento però, è stato opportuno che l’attività della pizzeria non fosse necessariamente e strettamente legata al teatro. Purtroppo ancora oggi, nel mondo dello spettacolo teatrale, paghiamo le conseguenze della pendemia”.

Ma se per i teatri ancora la situazione risulta poco chiara e si è in balia delle onde, nessuno invece ci impedisce di poter gustare un’ottima pizza partenopea. Aspettando magari, tempi migliori.

Tarumbò tarumbò, don’t make us soffer any more; tarumbò tarumbò, we get only a smell to know”.

Dettagli
Cerca Evento